Mercato

Tra gli obiettivi presenti nel Voluntary Committment della filiera del PVC Europea, VinylPlus, ha un ruolo determinante quello di raggiungere le 800.000 tonnellate/anno di PVC post consumo meccanicamente riciclato entro il 2020.

Questo obiettivo sta per essere raggiunto considerando che nel 2018 sono state circa 740.000 le tonnellate riciclate come si può vedere dall’andamento delle quantità riciclate negli ultimi anni:

DIAGRAMMA DA PROGRESS REPORT 2019

Grazie a un moderato ma continuo aumento dei volumi in quasi tutti i Paesi europei, il riciclo dei rifiuti in PVC nell’ambito di VinylPlus ha raggiunto le 739.525 tonnellate nel 2018.

Secondo uno studio condotto dalla società di consulenza tedesca Conversio (www.conversio-gmbh.com) per conto di VinylPlus, nel 2016 in Europa erano disponibili 2,5 milioni di tonnellate di rifiuti in PVC. I volumi riciclati da VinylPlus sopra riportati rappresentano circa il 25% di questi rifiuti disponibili.

Il principale contributo proviene ancora da Recovinyl1, con un volume registrato di 734.568 tonnellate di rifiuti in PVC riciclate. Nel 2017 Recovinyl è stata oggetto di un’importante riorganizzazione, sia nella sua struttura di gestione che nei sistemi di raccolta e comunicazione dei dati. La sistematizzazione, in particolare dei protocolli di controllo, proseguirà anche nel 2020.

Durante il 2018, i principali mercati di riciclo hanno registrato tendenze diverse: i volumi di PVC Rigido riciclato è attualmente molto elevata rispetto all’offerta, e mostra il potenziale per rafforzare ulteriormente gli schemi di raccolta e riciclo.

Progetti di settore per la gestione dei rifiuti di PVC

Per quanto riguarda EPPA2, nel 2018 sono state riciclate circa 326.276 tonnellate di profili finestra e prodotti correlati.  Nel 2018, EPPA ha sostenuto attivamente l’attuazione e la promozione del VinylPlus® Product Label, supportando le aziende associate nella preparazione degli audit, promuovendo il marchio con funzionari pubblici nazionali ed europei, nonché con attività di ufficio stampa per comunicare il marchio ad un pubblico più ampio. L’Hybrid Project, volto a classificare e migliorare la riciclabilità di profili in PVC realizzati con materiali ibridi attualmente presenti sul mercato, è entrato nella sua seconda fase, nella quale sono state sviluppate le linee guida su come aumentare la riciclabilità dei materiali ibridi nei profili finestra. EPPA sta attualmente collaborando con l’organizzazione europea di normazione per finalizzare lo standard proposto per il Controlled-Loop PVC Window Recycling. I risultati dell’Hybrid Project saranno direttamente integrati in questo standard. Per sensibilizzare sull’uso di PVC-R, EPPA ha concentrato le sue attività di comunicazione nel 2018 sui clienti finali, realizzando e pubblicando diverse brochure. Ha inoltre continuato a informare i produttori di serramenti sulle attività di VinylPlus, anche partecipando alle principali fiere di settore. Infine, EPPA ha continuato e ampliato le sue attività di monitoraggio per fornire al settore informazioni attendibili sull’uso di sostanze, riciclati e simili.

Nel 2018 TEPPFA ha proseguito la sua partecipazione attiva al progetto NSRR (North Sea Resources Roundabout), contribuendo alla positiva conclusione della fase pilota del progetto sui flussi di PVC. Il NSRR è un accordo volontario internazionale tra Fiandre (Belgio), Olanda e UK che mira a contrastare le barriere legali e pratiche che ostacolano commercio, trasporto e utilizzo di risorse secondarie. Nel febbraio 2018 il Ministero Olandese delle Infrastrutture e delle Risorse Idriche ha rilasciato un parere legale che definisce chiaramente quando gli scarti in PVC rigido dovrebbero essere considerati ancora rifiuti e quando devono essere considerati una risorsa per nuovi prodotti. Il parere approva la qualifica di EoW (End-of-Waste) per i riciclati di PVC rigido. Come materia prima seconda, il PVC-R deve conformarsi al REACH quando esce da un impianto di riciclo.

Nel giugno 2018 TEPPFA ha annunciato il suo sostegno a Operation Clean Sweep® (www.opcleansweep.org), un’iniziativa internazionale dell’industria della plastica per ridurre la dispersione di pellet e polveri di materiale plastico nell’ambiente. L’iniziativa mira a garantire che pellet, scaglie e polveri di materiale plastico provenienti dagli impianti di produzione siano gestiti con cura e non finiscano nei fiumi o in mare. ReVinylFloor (www.revinylfloor.org) è l’organizzazione creata per stimolare soluzioni sostenibili a ciclo chiuso per il riciclo e recupero di pavimenti in PVC post-consumo in Europa. ReVinylFloor sta attualmente espandendo e rafforzando il suo network esistente e la cooperazione con la filiera per stimolare la raccolta differenziata e la qualità della selezione dei rifiuti da pavimenti. Questo include il supporto alla ricerca e sviluppo di ulteriori applicazioni commerciali per riciclati in Europa, nonché l’ottimizzazione di opzioni di riciclo meccanico e test di riciclo chimico per alcuni flussi di rifiuti specifici. È inoltre in fase di valutazione la creazione di un marchio di qualità ReVinylFloor per prodotti contenenti almeno il 50% di PVC riciclato.

Nel 2018 AgPR ha raccolto in Germania circa 1.800 tonnellate di rifiuti in PVC per il riciclo e ha continuato le sue attività di comunicazione, anche in collaborazione con altre associazioni tedesche del PVC. In totale sono state riciclate 2.387 tonnellate di pavimenti in PVC nel 2018 nell’ambito di VinylPlus.

ESWA ha riciclato 3.531 tonnellate di membrane per tetti e per impermeabilizzazioni nel 2018 attraverso il suo progetto Roofcollect® (www.roofcollect.com), in linea con i suoi obiettivi. Nel 2019 ESWA prenderà parte alle prove pilota del progetto Oreade, per testare il trattamento delle membrane per tetti. Attraverso le sue iniziative di riciclo, nel 2018 IVK Europe18 ha continuato a sostenere la raccolta e riciclo di film flessibile e rigido in PVC e di prodotti spalmati. Attualmente i riciclati sono utilizzati per la produzione di fogli per diverse applicazioni.