VinylPlus Sustainability Forum 2017: verso un’economia circolare

L’industria del PVC sta compiendo significativi progressi verso la sostenibilità e sta offrendo un positivo contributo all’economia circolare attraverso un approccio unitario. Questo il messaggio lanciato ai partecipanti al 5° VinylPlus Sustainability Forum tenutosi a Berlino, in Germania.

Organizzato da VinylPlus, il programma di sostenibilità dell’industria europea del PVC, il Forum di quest’anno tenutosi il 10 e 11 maggio ha affrontato il tema “Verso un’Economia Circolare” e ha esplorato le crescenti opportunità per il settore del PVC di contribuire a questo fondamentale obiettivo della politica europea.

Nel contesto delle importanti decisioni che si stanno prendendo sul Pacchetto sull’Economia Circolare della Commissione Europea, i relatori del Forum hanno discusso di come l’industria del PVC stia affrontando temi essenziali per la sostenibilità, come ad esempio i legacy additives nel PVC riciclato e il contributo a un maggiore flusso circolare delle risorse.

Il Forum ha richiamato oltre 170 stakeholder da 30 Paesi, provenienti da Commissione Europea, Nazioni Unite, enti governativi, mondo accademico, nonché professionisti, progettisti, architetti e rappresentanti di tutti i settori dell’industria del PVC.

Accogliendo i delegati, il Presidente di VinylPlus Josef Ertl ha dichiarato: Il dibattito su come l’Europa possa passare a un’economia circolare è una priorità dell’agenda politica. Sono sicuro, e in molti concorderanno, che è difficile immaginare una società sostenibile senza un’economia circolare. E le caratteristiche uniche delle materie plastiche consentono di offrire un forte contributo a un’Europa più sostenibile dal punto di vista ambientale e più efficiente nell’impiego delle risorse. Il PVC sta contribuendo chiaramente a questo; e certamente VinylPlus con il suo particolare modello di cooperazione che riunisce l’intera filiera del PVC, è la giusta piattaforma per la sostenibilità e circolarità dell’industria del PVC”.

Riconoscendo che un passaggio da un sistema economico prevalentemente lineare a uno largamente circolare “cambierebbe drasticamente” il modo in cui aziende e filiere cooperano e come si producono e si consumano i beni, Josef Ertl ha affermato: “In questo contesto dobbiamo garantire che sia considerato l’intero ciclo di vita di un prodotto e non solo i suoi aspetti finali.”

Ertl ha quindi invitato i leader politici a lavorare assieme all’industria per analizzare i potenziali impatti di qualsiasi decisione che possa minacciare il settore del PVC, aggiungendo: “Dovrebbero assicurare che il processo si sviluppi in modo fluido e senza troppe frizioni. Noi dell’industria del PVC e della plastica supporteremo tale approccio.”

Michael Kundel, Presidente dell’Associazione Europea dei Trasformatori di Materie Plastiche (EuPC), ha dichiarato che è urgente delineare un percorso chiaro su come gestire il fine vita del PVC se si vuole sfruttare il suo ulteriore potenziale in futuro, e ha invitato l’industria del PVC e i decisori politici a cooperare strettamente e creare un contesto che soddisfi le esigenze di un’economia a basse emissioni di carbonio. L’Impegno Volontario VinylPlus ha definito un quadro di riferimento e può servire come piano d’azione per creare un futuro più sostenibile con le materie plastiche lungo l’intera filiera. Come approccio pioneristico di successo, VinylPlus potrebbe servire da modello anche per altre plastiche”.

Nel suo aggiornamento sull’Agenda 2030 e sull’Economia Circolare, Christophe Yvetot, Rappresentante per l’Unione Europea all’UNIDO (Organizzazione delle Nazioni Unite per lo Sviluppo Industriale), ha evidenziato il contributo del PVC alla visione “less is more” grazie alla sua maggiore durabilità, longevità e riciclabilità nei materiali da utilizzare nei futuri sviluppi urbani.

Presentando i risultati del 2016, il Direttore Generale di VinylPlus Brigitte Dero ha sottolineato i risultati di una “filiera unita del PVC” nell’ambito di VinylPlus, tra cui il riciclo di 568.696 tonnellate di PVC, per un totale di oltre 3,5 milioni di tonnellate riciclate dal 2000 ad oggi. I progressi sugli additivi includono inoltre lo sviluppo dell’Impronta Ambientale di Sostenibilità degli Additivi (ASF), una metodologia basata su dati scientifici per valutare l’uso sostenibile degli additivi nei prodotti in PVC. Il primo ASF sarà completato per profili finestra quest’anno, seguito da applicazioni in PVC flessibile.

“Attraverso l’Impegno Volontario VinylPlus, possiamo fornire soluzioni alle problematiche sollevate nella discussione dell’UE sulla Plastics Strategy. – ha affermato Dero – Nel 2016 abbiamo compiuto reali progressi verso i nostri obiettivi di sostenibilità in termini di sicurezza e qualità del PVC riciclato, e un riconoscimento da parte degli stakeholder esterni di VinylPlus, considerato da molti come capofila per l’economia circolare”.

Il dibattito si è inoltre incentrato sulle politiche per l’Economia Circolare, sia a livello regionale che europeo, e sul loro potenziale impatto sull’industria delle materie plastiche nel suo complesso. Cees Luttikhuizen, Senior Policy Advisor al Ministero olandese delle Infrastrutture e dell’Ambiente, ha analizzato l’impatto delle politiche REACH sui rifiuti e sull’economia circolare.

Due interventi di Norbert Kurilla, Segretario di Stato del Ministero dell’Ambiente slovacco e di Alexander Janz del Ministero dell’Ambiente tedesco, hanno evidenziato le migliori pratiche e gli sviluppi verso un’economia circolare nei rispettivi Paesi.

I molti possibili utilizzi delle plastiche le hanno rese parte integrante della nostra vita quotidiana. – ha affermato Alexander Janz – Ed è proprio per questo che ora più che mai dobbiamo rafforzare la gestione sostenibile delle materie plastiche lungo l’intero ciclo di vita, riducendo così gli effetti negativi sull’ambiente e sulla salute umana”.

Riflettendo sul Forum, Josef Ertl ha concluso: L’innovazione è l’elemento chiave per la riduzione delle emissioni e dei consumi di materie prime e risorse. L’innovazione contribuisce al miglioramento dell’efficienza energetica e dei costi, allunga la vita utile dei prodotti e creerà molte nuove strade per migliorare il riciclo. Attraverso L’impegno Volontario VinylPlus, con l’intera filiera, possiamo contribuire a superare le sfide dell’economia circolare.

VinylPlus è l’Impegno Volontario dell’industria europea del PVC. Il programma definisce un modello di lungo periodo per lo sviluppo sostenibile dell’industria del PVC affrontando una serie di sfide chiave nell’Europa dei 28, Norvegia e Svizzera.

Per maggiori informazioni sulle attività e i risultati 2016, il Bilancio 2017 di VinylPlus è scaricabile al link: http://www.vinylplus.eu/resources/publications/progress-report.